Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su OK acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Consulta la Cookie Policy

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Curiosità in chirurgia plastica e novità in medicina estetica

 

 

Curiosità in Chirurgia Plastica e Medicina Estetica

Botox party: sono nati negli Stati Uniti (USA) come feste e riunioni mondane organizzate sia da pazienti che da chirurghi, durante le quali vengono praticate iniezioni di tossina botulina (botox) per il rilassamento delle rughe del volto. I trattamenti sono eseguiti al di fuori di studi medici professionali con rischi evidenti per la disinfezione, la sterilità ma anche la privacy. 

Ringiovanimento vaginale: questo tipo d'intervento viene eseguito da ginecologici e chirurghi plastici in regime di day hopsital e ha lo scopo di curare il prolasso della vescica, l'incontinenza urinaria e ricostruire le aree più sensibili al fine di ritrovare il piacere nella vita intima. Altro non è che un intervento chirurgico vecchio di oltre 70 anni, ma rivisitato in base all'evoluzione delle tecniche chirurgiche e laser.

Verginità: l'intervento che ridona la verginità è l'imenoplastica, cioè la plastica dell'imene, quella membrana fibrosa posta all'inizio dell'antro vaginale che viene lacerata durante il primo rapporto sessuale o a seguito dell'introduzione di corpi estranei. L'intervento viene eseguito in sedazione in circa 30 minuti e prevede la sutura delle membrane residue, se presenti o l'utilizzo di sostituti dermici biocompatibili.

Biolifting: si tratta di un concetto nuovissimo in campo di medicina estetica. Consiste nell'effettuar trattamenti di medicina estetica avanzata che, nel tempo, permettono di mantenere una qualità della pelle tale, da poter parlare di lifting biologico, cioè ottenuto step by step nel rispetto della fisionomia del volto e della prevenzione dell'invecchiamento.

Hydrobalance: si tratta di trattamenti biorivitalizzanti e biostimolanti al fine di prevenire la disidratazione fisiologica dell'invecchiamento cutaneo. I trattamenti tonificanti hanno il fine di reidratare la pelle per ottenere un aspetto più tonico, fresco ed elastico. Possono essere eseguiti con l'infiltrazion periodiche di vitamine, sali minerali, acido iaulronico a bassa densità e fili riasorbibili biorivitalizzanti.

Gummy smile: con questo termine s'intende il sorriso gengivale, ossia l'eccessiva esposione del tessuto mucose delle gengive dei denti che è spesso responsabile di un sorriso non armonico. La correzione del sorriso viene effettata con 2 piccole iniezioni di tossina botulinica (botox) a livello dei muscoli mimici che controllano l'innalzamento del labbro superiore, nel rispetto dei lineamneti del volto e senza cambiare la fisionomia propria del paziente. 

Lifting pausa pranzo: è un termine che molto spesso viene utilizzato sulle riviste settimanali e giornali quotidiani per indicare un lifting non invasivo, ottenuto con trattamenti di medicina estetica avanzata, senza degenza a livello ambulatoriale, che consente di riprendere immediatamente le normali attività della vita quotidiana.

Soft restoration: restaurare in modo soft, senza alterare in il volto dei pazienti. E' questo il concetto basilare della chirurgia plastica e della medicina estetica: migliorare senza cambiare. Con piccoli interventi di medicina estetica atti a eliminare e correggere piccole imperfezioni è possibile avere sempre una pelle elastica, idratata e senza rughe.

Falloplastica: si tratta di un'intervento chirurgico eseguito da urologici e chirurghi plastici con la finalià di aumentare la lunghezza dell'organo genitale maschile, il pene. L'intervento viene realizzato attarverso la resezione del legamento dorsale del pene o la lipectomia in sede sovrapubica. Oggi è possibile anche non solo la lunghezza del pene ma anche le dimensioni agendo sull'aumento del diametro. La circonferenza del pene viene aumentata con diverese tecniche che cambiano a seconda delle esigenze del paziente e dell'indicazione chirurgia; in particolare è possibile utilizzare il tessuto adiposo autologo o lipofilling, l'infiltrazioni di sostanze biocomaptibili come l'acido ialuronico ma anche materiali di bioingegneria come il pericardio bovino. E' possibile aumentare il diametro fino anche a 1.5 cm. 

Facial profiles: la correzione dei profili facciali viene seguita a livello ambulatoriale agendo sul profilo mandibolare, zigomatico e malare. Infiltrazioni di acido ialuronico a media e elevata densità potranno aumentare e definire i volumi degli zigomi mentre infiltrazioni di acido ialuronico a livello del muscolo massetere potranno donare un ovale più dolce e delicato con piena soddisfazione del paziente e senza trattamenti chirurgici invasivi.

Mastoplastica senza protesi: ad oggi è possibile aumentare il volume del seno o semplicemente ridefinirne i contorni grazie al trapianto i cellule adipose autologhe arricchite con cellule staminali totipotenti. L'intervento viene eseguito in sedazione con prelievo del tessuto adiposo e delle cellule staminali a livello di pancia, fianchi e trocanteri; il tessuto viene processato e quindi iniettato a livello delle mammelle con duplie effetto: il primo d'aumento imemdiato del volume mammario e in un secondo momento di tonificazione ghiandolare grazie all'azione a lunga durata delle cellule staminali. In base alla quantità del grasso corporeo presente si può aumentare il seno fino a 3 taglie in più. Puoi trovare approfondimenti e casi clinci su www.mastoplastica-lipofilling.it.

Rinoplastica estetica e funzionale: la rinoplastica, estetica e funzionale, rappresenta uno degli interventi più difficili nel campo della chirurgia plastica ed estetica. La correzione del naso può essere effettuata a scopo estetico (rinoplastica estetica), a scopo funzionale (rinoplastica funzionale), a scopo ricostruttivo post trauma (rinoplastica post trauma), a scopo ricostruttivo post-oncologico (rinoplastica ricostruttiva o neorinoplastica). E' possibile migliorare anche la respirazione intervendo su setto nasale (settoplastica), sui turbinati (turbinoplastica) e sulla valvola nasale interna ed esterna. Puoi trovare approfondimenti su www.rinoplasticaestetica.it.

Depilazione laser definitiva: la depilazione eseguita da personale medico esperto e diplomato è definitiva. Le parole "definitiva e permanente" sono spesso utilizzate in modo incondizionato su intenet e giornali. Come fare per orientarsi? Innanzitutto la depilazione permanente o definitiva può essere eseguita solo da personale medico esperto con autorizzazione all'utilizzo di macchine laser registrate come tali al ministero della salute. La miglior macchina elettromedicale nel campo della depilazione è sicuramente la luce pulsata, che consente una depilazione in poche sedute e con minimo disagio. Tuttavia la potenza di tale macchinario cambia notevolmente sul mercato: in particolare la luce pulsata in possesso dei centri estetici è depotenziata per legge, con conseguente anzione più blanda o nulla sull'eliminazione della peluria. Puoi trovare ulteriori approfondimenti su www.epilazione-laser-definitiva.it.

Botox e perdita di capelli: il botox è stato associato alle calvizie, e in particolare alla riscrescita dei capelli, da parte di un chirurgo plastico americano che ha notato un rinfoltimento del capillizio della madre che veniva trattata con tossina botulinca per la cura del mal di testa. Tuttavia ad oggi, non vi sono evidenze scientifiche con basi solide a sostegno di questa teoria. Sembrerebbe che la ricrescita del capello sial legata ad un aumentato flusso sanguigno a livello di tutto il cuoio capelluto. 

Botox e mal di testa: la scoperta è avvenuta per caso sempre negli Sati Uniti. In particolare i pazienti che venivano trattati con botox per il rilassamento delle rughe, riferivano anche un miglioramento della loro emicrania. Il meccanismo d'azione è legato al rilassamento di alcuni miscoli mimici che si trovano al di sopra dell'emergenza di nervi sentitivi dallo scheletro facciale, il cui rilassamento contribuirebbe a non stimolare le terminazione sensitive di alcuni nervi cranici.

Rinofiller: trattamento medico estetico che consiste nell'iniezione di acido ialuronico a livello del naso per mascherare avvallamenti o aumentare il profilo, in quella che prende il nome di rinoplastica non chirurgica. Si tratta quindi di procedure minivasive che sono in grado, in casi selezionati, di evitare l'intervento chirurgico di rinoplastica.

Macchie della pelle: la pelle, con il passare del tempo e con il fotoaging, cioè quel danno indotto dai raggi solari, tende a riempirsi, in modo più o meno marcato, di macchie brunastre soprattutto a livello del dorso delle mani, polsi, decollete, e volto. La presenza di macchie brunastre è molto frequente e rappresenta un inestetismo indice dell'età del paziente. Oggi, grazie a tecnologie avanzate, è possibile rimuovere tutte le macchie della pelle in sole sue sedute di laser. Puoi trovare ulteriori info su http://www.epilazione-laser-definitiva.it/luce-pulsata/macchia-cutanea.

 

Medicina Estetica: Filler Derma Filler e Induttori. I prodotti sicuri che si possono utilizzare.

Acido ialuronico: è un glicosamminoglicano normalmente contenuto nel nostro organismo, responsabile del turgore, elasticità e tonicità della pelle. Grazie alla sintesi di acido ialuronico in laboratorio, del tutto biocompatibile, ad oggi il chirurgo plastico e il medico estetico possono usufruire di questo prodotto per il riempimento delle righe sottili, medie e profonde. Le complicanze legate all'utilizzo di questo prodotto sono vicinissime allo zero, in mani di personale medico esperto e qualificato. Rappresenta di sicuro il riempitivo più utilizzato nella medicina estetica e con un altissimo gradimento e soddisfazione da parte del paziente.

Acido ialuronico e Lidocaina: le formulazioni di acido ialuronico di recente commercializzazione contengono, nella stessa siringa, acido ialuronico e lidocaina, un farmaco con azione di anestetico locale che ha la funzione di ridurre al minimo il disagio del paziente durante l'iniezione dell'acido ialuronico. L'effeto anestetico perdura per qualche ora anche dopo la fine del trattamento, cancellando il minimo disagio o fastidio.

Acido ialuronico e Carbossimetilcellulosa: la ricerca in campo medico estetico sta portando alla commercializzazione di prodotti riempitivi sempre più sicuri, duraturi e biocompatibili, come nel caso del nuovo filler a base di carbossimetilcellulosa, un polimero non di origine animale e non batterico. La sua associazione con l'acido ialuronico ha permesso di svilupparre un filler di nuova generazione in cui la carbossimetilcellulosa cross linkata, funge da carrier per le molecole di acido ialuronico a diversa viscosità, aumentando il potere riempitivo e il tempo di riassorbimento.

Acido ialuronico e Destrano: altra associazione di ultima generazione di acido ialuronico e destrano, un polimero ramificato del glucosio che viene cross linkato assieme all'acido ialuronico al fine di aumentare l'effetto riempitivo e la durata dell'effetto nel tempo. Il prodotto è sempre dotato di elevata biocompatibilità. Il riassorbimento del destrano è più lento nel tempo rispetto a quello dell'acido ialuronico permettendo correzioni più durature (oltre 1 anno).

Acido Ialuronico e Idrossiapatite: al fine di allungare la durata del riempimento prodotto dall'acido ialuronico, alcune case farmaceutiche hanno prodotto riempitivi misti di acido ialuronico e idrossiapatite calcica, cioè microsfere di idrossiapatite di calcio assimilabile a quella contenuta nel nostro corpo a livello delle ossa e dei denti. L'aggiunta di questi sali riesce a prolungare la durata dell'infiltrazioni eseguite in campo medico estetico ma anche di aumentare l'effetto volumizzante istantaneo e a lunga durata, creando un microambinte ideale per la produzione fisiologica di collagene. Si parla quindi in questo caso di filler semipermanente, con durata fino a 2 anni.

Macrolane: si tratta di acido ialuronico a elevata viscosità e densità utilizzato per il riempimento in caso di grossi volumi. In particolare aveva ricevuto approvazione dal ministero della salute per il trattamento di depressioni cutanee, di tessuti molli, per l'aumento di glutei ma anche del seno. Solo di recente, qualche anno fa, è stato revocato dal ministero della salute l'approvazione per l'utilizzo di macrolane per l'aumento del seno in quanto il prodotto interferiva nello screening del tumore mamamrio, mettendo in difficoltà i colleghi radiologi per la stesura del referto della mammografia. Il prodotto rimane tuttavia approvato per le altre indicazioni di volume resoration corporeo.

Acido polilattico: è un polimero dell'acido polilattico che nel tempo si degrada completamente in acido lattico. Il prodotto non ha proprietà allergeniche e non si tratta di un filler in senso stretto, cioè di un riempitivo, ma di un induttore per l'ispessimento del derma a lungo termine, grazie all'attivazione della sintesi di nuvo collagene da parte dei fibroblasti. L'apice dell'effetto viene raggiunto a 40-50 settimane dal trattamento e i risultati sono stabili nel tempo. Le indicazioni all'utilizzo dell'acido polilattico sono circoscritte alla correzione di rughe voluminose, perdita dello spessore del derma e riempimento dei volumi facciali come nel caso delle lipodistrofie da farmaci e lipoastrofie post traumatiche. 

 

Medicina Estetica: i filler da evitare.

Collagene: numerosi sono i filler in commercio che contengono collagene. Il collagene è normalmente contenuto nel nostro corpo, ma il collagene presente nei riempitivi in commercio richiede, prima di essere inettato, il test cutaneo per valutare intolleranze e allergie. Questo perchè il collegene delle fiale è di orgine umana o bovina. Non si raccomanda l'uso di questi prodotti che sono stati ampiamente superati dall'acido ialuronico, in termini di sicurezza e biocompatibilità.

Aquamid: filler permanenti a base di acqua e poliacrilamide che promettono risultati definitivi. Il loro utilizzo, per quanto ci riguarda, è assolutamente sconsigliato in quanto può portare alla formazione di infezioni e ascessi con gravi conseguenze sulla salute del paziente ma anche da un punto di vista estetico. Le loro complicanze sono legate alla presenza della poliacrilamide, sostanza completamente sintetica ricavata in laboratorio ma che può non essere biocompatibile. 

Bioalcamid: filler permanente a base di acqua e derivati dell'acrilamide, prodotto sintetico. E' un filler permanente simile all'Aquamid ma prodotto da un'altra casa farmaceutica. La possibilità di complicanze legate all'impianto di questi filler, assieme all'impossibilià tecnica di rimuoverle, li rendono prodotti sconsigliati, a nostro giudizio, in campo medico estetico.

Artecoll: sospensione di particelle di polimetilmetacrilato e collagene; sempre materiale non riassorbibile che nonostante prometta risultati definitivi e duraturi è gravato da complicanze di difficile gestione, per cui ne sconsigliamo l'utilizzo in medicina estetica. 

Gorotex: si tratta di un prodotto sintetico, che a differenza dei filler descritti sopra, è allo stato solido. Viene spesso utilizzato per l'aumento volumetrico delle labbra in modo definitivo. Lo svantaggio principale risiede nella difficoltà tecnica legata alla sua rimozione, nel caso in cui la paziente lo richieda.  

Silicone liquido: il silicone esiste in 3 formulazioni industriale (non ad uso medico), medico (non approvato) e oculistico (aaprovato solo in casi di distacco di retina). L'olio di silicone e l'olio silossanico sono prodotti proibiti per legge in campo medico dal 1991 secondo decreto della Food and Drug Administration. Il suo utilizzo in campo medico può portare a gravi conseguenza per la salute del paziente, dalla sua migrazione (può spostarsi in altre sedi del corpo), infiammazione acuta, depigmentazione, granulomi da corpo estraneo fino anche all'embolia polmonare. Si raccomanda quindi il paziente di rivolgersi sempre a personale medico qualificato e diplomato al fine di evitare infiltrazioni di silicone eseguite in modo illecito.